camicia incrociata

Camicia petalo

Oggi vi presento tre modelli della serie “camicia petalo”, un nome che ho assegnato per la particolarità del tessuto, che sembra al tatto,  un petalo di rosa.

Il tessuto della camicia petalo è in viscosa e, anche se non ben visibile dalle foto, i colori a disposizione sono due: grigio perla e panna.

Il primo modello ha maniche alla raglan, scollatura arricciata a barca e due spacchi laterali.

camicia petalo arricciata

La cintura che vedete in vita non è cucita, pertanto potete, se preferite, indossarla anche senza. L’effetto è più minimalista ma molto bella anche in questo modo.

Molto bella anche indossata dentro la gonna o il pantalone.

 Disponibile anche nella variante con maniche chiuse con elastico al polso.

Il secondo modello

è creato con lo stesso tessuto ma di color panna. Il taglio è aperto sul davanti, i due lembi si sormontano ad incrocio e vengono fermati da due laccetti sul fianco destro, posizionati internamente, e due sul lato sinistro posizionati esternamente. Le maniche sono a sbuffo con arricciatura ai polsi e lo scollo è a V. 

L’orlo di questa camicia ha una bordatura a chiocciola.

(anche questa disponibile  con maniche a kimono).
Molto bella anche indossata dentro ai pantaloni o alle gonne.

L’ultimo modello

ha il taglio classico del kimono, rifinita con bordatura di colore nero. La cintura è in cotone nero leggermente elasticizzato per una migliore tenuta.

Se preferite una fascia in vita senza fiocco ho pensato ad un tessuto in lycra da infilare comodamente. Qui sotto l’effetto senza fiocco.

Per evitare spiacevoli inconvenienti ho messo due automatici di chiusura all’altezza del seno, questo anche nel modello precedente.

camicia kimono particolare automatici

Insomma potete disporre di tre modelli di base e poter scegliere le varie combinazioni esposte nel primo modello, con maniche a kimono piuttosto che chiuse con elastico e giocare con fascia in lycra o fascia lunga per formare un fiocco o un nodo in vita, a vostro piacimento.

Arrivederci al prossimo articolo.

condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *